domenica 1 gennaio 2012

Un mattino di sole dopo una notte di vento e" Gli impavidi"



Auguriamoci d'essere impavidi come queste foglie lungo tutto l'anno che ci attende, che c'è d'avere coraggio a tenersi stretti a un braccio e lasciarsi accarezzare da un vento che strappa....e c'è d'avere coraggio pure a stancarsi ...mollare la presa, cercare nuovo appiglio...lasciarsi cadere verso destino infatuo senza sperimentare il calore di un'alba.
Ho voragini d'anima in questo mare di ragioni che non so versare.
Vi attendo, solitaria figura, in un anfratto della mia vita isolana per chiedervi di , insieme , osare!
Siate Vivi e rallegrate la mente se il cuore la vuole abbracciare!



"vorrei lesinare ogni profondo sentimento d'amore
ma il mio cuore che altro modo ignora e
non conesce debolezza alcuna
si dona in egual misura sia al vinto che al vincitore"


GZ

P.S. siamo quasi alla fine del primo giorno del nuovo anno e già muovo passi incerti sulla fune immaginaria della mente...vaneggiamenti, siate benevoli amici sopportatemi , d'altra parte io non posso che essere impavida :)

19 commenti:

  1. non potevi postarci delle parole più belle <3 grazie <3

    RispondiElimina
  2. Buon anno e tanta felicità! :)

    RispondiElimina
  3. Adoro le persone impavide!! Sulla fune io ci cammino da sempre e ho sviluppato doti di brava acrobata ma non si sa mai...Spero che anche quest'anno io possa stare in equilibrio ma sarà dura.
    Un buon augurio a te.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. mi piace: io ho iniziato l'anno con la scomparsa di una persona cara e ho bisogno di essere coraggiosa!

    RispondiElimina
  5. Chiara Buon Anno anche a Te!

    Antonella Grazie a Te per l'occhio che regali alle mie righe...

    Marika abbraccio stretto il tuo augurio in ermetica speranza e poichè è così grande il tuo augurio per me che torni a te raddoppiato ;)

    Ladywriter bentornata!un passo per volta si può andare lontano!

    TuristadiMestiere hai compreso il senso del mio post al di là di ogni spiegazione....
    in brevissimo tempo anch'io, tra la fine e l'inizio del vecchio e del "nuovo", ho visto la scomparsa di due persone care. A te il coraggio di re-incontrare le persone care in altre latitudini e così piccolo il mondo quando lo guardiamo con gli occhi del cuore, qui non servono occhiali! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Mi capita di passare giorni a parlare con chi spero riesca a sentirmi, cerco un segno, un piccolo particolare per sentirla vicina come lo era fino a qualche mese fa... Forse è una cosa che capita anche a te, visto che hai avuto la stessa esperienza recentemente.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. Ladywriter,
    i segni che cerchiamo non sono che l'alfabeto morse della vita e nessun vissuto sarebbe mai possibile senza, non esistono limiti alla sensibilità che in noi riesce a decifrarne il significato. Una presenza è tangibile spesso ancor di più dopo la "prova" della mancanza, è legge di natura che ci avvicina al "sopranaturale"....o forse è solo quello che noi vogliamo percepire, ma che differenza fa? c'è una bellezza in tutto questo che spesso solo la poesia mi rende.
    ti abbraccio con la certezza che la persona di cui parli è in Te più di quanto possa esserti vicina.

    RispondiElimina
  8. sì,è una buona idea.
    buon anno a te :)

    RispondiElimina
  9. Dai, scrivi. Ho bisogno di aver trasmesso lo slancio che sai dare tu alle parole...

    RispondiElimina
  10. Amico mio caro...-così ti sento-,
    strizzerei il cielo con le mani..... potessi avere una sola goccia per questo deserto!
    invece vengono giù pensieri luminosissimi come fiocchi di neve che non raggiungono il selciato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sento anche io, nascosta tra queste parole che mi riconciliano col giorno triste... Hai scritto parole meravigliose. Grazie.

      Elimina
  11. Non mi stancherei d'essere una foglia, portata via dal vento, chissà dove. Poserei beatamente le membra ovunque, purchè i miei compagni di viaggio, abbiano come te, una poesia per ogni mio passo incerto. Allora insieme potremo arrivare fin dove tesse il suo abito una primavera di sola luce.

    P.S. Io posto come anonimo perchè in realtà lo sono davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonima foglia, potessi davvero avere una poesia ad ogni passo incerto sarebbe più facile raggiungere un equilibrio e fare un girotondo in compagnia di vento (vedi canzone "Radici" dei Ratti della Sabina)...la primavera non tarda ad arrivare anche quando non è tempo.

      Elimina
  12. Ciao!! Era da un pò che non passavo dal tuo blog e devo dire che è bello come sempre!!! Stupendo questo post!! un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica.....anche le tue immagini sono una bella finestra per i miei pensieri!

      Elimina
  13. ....aggiungo solo un abbraccio..."in volo"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e mi libro ad altezze vertiginose sulla forza di un alito di salvezza!

      Elimina
  14. Tenacia o non accettazione, mi chiedo guardando le tue foglie d'inverno.

    RispondiElimina

Un passo tra punta e impronta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...